1 Aprile 2021

Ascolta la Voce del tuo Silenzio!



La voce del silenzio è quella frequenza, apparentemente del nulla, che possiamo sentire risuonare nel nostro corpo e nella nostra testa.

Nel buio della notte la voce del silenzio ci accompagna durante il sonno e può riflettersi nei nostri sogni dai quali, al risveglio, potremmo ricavare risposta a dubbi, scelte e quesiti nei più svariati ed importanti ambiti, grazie alle idee, alle intuizioni, alla chiarezza interiore che possono insorgere già dal primo mattino.

“La notte porta consiglio” dicevano i nostri nonni e bisnonni: quanta ragione avevano! Forse a quel tempo non tutti erano così colti come possiamo esserlo al giorno d’oggi, ma sicuramente una parte del sapere universale era così insito nella loro vita da riflettersi con positività, speranza e fiducia nelle manifestazioni e nella loro realtà.

Ci accorgeremmo che tutto ciò non è cambiato nemmeno per noi se solamente ci permettessimo di ascoltare, se ci concedessimo di accogliere, se ci dessimo la possibilità di vivere in simbiosi con la Natura e con le Energie che ci circondano.

La soluzione a tanti problemi può essere dedotta dal buio della notte: quel luogo segreto e silenzioso in cui i pensieri interiori prendono forma concreta in immagini e si sviluppano in un racconto stimolante che può nascondere consigli, prospettive e sviluppi.

Cogliere il significato onirico che il nostro lato notturno sviluppa può garantirci esiti che neppure sospettavamo.

La lucidità della routine quotidiana spesso non pone attenzione ai pensieri, alle idee ed alle sensazioni che viviamo, perché siamo proprio noi stessi a non dar loro il giusto peso.

Ma la verità è che tutto quanto nasce dalla nostra interiorità merita di essere ascoltato perché, se colto nella spontaneità del suo significato, spesso conduce a conclusioni vivaci che sorprendentemente rispondono ai desideri del nostro stesso cuore. Cosa significa tutto ciò? Che dal sogno che accompagna il nostro sonno, dal primo pensiero o da un’improvvisa idea, da una spontanea emozione o dall’attrazione verso una specifica direzione possiamo guidare coscientemente le nostre azioni, così che ciò che desideriamo trovi soluzione o realizzazione.

Se un problema ti affligge, se una situazione necessita di essere sbrogliata, se una scelta deve essere compiuta, prima di coricarti libera la mente inspirando profondamente e abbandona qualsiasi tentazione a ripensarci: un buon sonno potrà portare con sé non solo ristoro, ma anche opportunità e chance inaspettate. Se lo desìderi puoi anche rivolgerti all’Universo e ringraziarlo per tutte le indicazioni che riceverai.

Al risveglio, durante la mattinata o la giornata, quando sarà il momento di riprendere nuovamente in considerazione la problematica o la situazione da risolvere poni attenzione a ciò che come prima cosa suscita in te: può essere una sensazione, così come un pensiero che poi prende piede e si sviluppa o un’idea che può trovare seguito.

Razionalizzare troppo un’emozione o ciò che la mente ha lasciato scaturire generalmente porta ad allontanarsi dall’iniziale concetto o dal significato di un sentimento: non è sbagliato cercare di rimanere positivi e creativi, rispondendo concretamente con azioni specifiche che fanno seguito a quelle stesse sensazioni o idee. Chi non osa non può ottenere grandi successi! Permettiti quindi di sviluppare e concretizzare i tuoi pensieri, concediti di ascoltare e seguire le tue emozioni, consenti a te stesso di rincorrere i tuoi sogni e di realizzare le tue speranze, complice di quel destino che ci pone, passo dopo passo, una strada rigogliosa di iniziative, di fioriture e di traguardi.

Ognuno di noi può condire la propria vita, insaporendola con la preziosità e la gustosità di sé stessi. Perché mai rinunciarci?

Gessica Mansutti

 

Vuoi conoscere come puoi lasciarti andare nelle tue percezioni

e liberarti da ciò che nella vita ti blocca o ti limita?

Concediti l’opportunità che ti meriti.


Entro la metà di ogni mese esce un nuovo articolo.

Buona lettura!


Informazioni e suggerimenti si riferiscono sempre e solo alla visione olistica bioenergetica: non sostituiscono in alcun modo i consigli della tradizionale terapia medica e psicologica, né danno indicazioni terapeutiche.

Operatore disciplinato ai sensi della Legge 4/2013.